LABELS

ALTROVE (766) UN ALTRO GIORNO (252) QUI E ORA (106) NOTE (8)

lunedì 27 febbraio 2012

" WIDG – LA TV CHE VORREI. PERCHÉ SÌ" Nel nostro piccolo anche noi di Talk!

PER ADESSO ADERIAMO! E pian pianino cominciamo a organizzarci. Anche e soprattutto per lei: la divina dell'Etere Katerina Kazzo Kollovati (scherzo. Facciamo i seri una volta..)

venerdì 24 febbraio 2012

sabato 18 febbraio 2012

La strafattona.


Mentre si svolge il rito funebre per Whitney, mi viene in mente un episodio di alcuni anni fa. Arrivò come una mega star, fra gli ospiti d'onore. Eppure aveva registrato un solo album. Il successo del quale però fu tale da sbaragliare ogni precedente record di vendita per un album di esordio. A San Remo cantò e cantò dal vivo: il successo fu tanto e tale che Pippo Baudo, da grande intrattenitore qual'è, prese una decisione senza precedenti. Chiese a Whitney un bis: lì, su due piedi. Lei sorrise, e da grande professionista, ricantò di nuovo la canzone. L'Italia intera (l'unico paese che ancora non era capitolato alla nuova star) quella sera s'innamorò di quella giovane, bellissima diva americana dal talento immenso. Quel momento fa indelebilmente parte della storia del festival. Io credo che in questo festival ci sia stato un attimo di silenzio assordante, sfuggito ai più: il mancato tributo a quella signora. I dirigenti mezze calzette Rai hanno forse ritenuto opportuno non omaggiare una strafattona. Senza considerare che quel festival è una manifestazione MUSICALE. E, parlando di musica, se prendessimo TUTTI quelli che sono passati da quel palco in queste sere e li mettessimo dentro un contenitore e scecherassimo ben bene, non otterremmo un centesimo del talento della strafattona. Dolcecazzonera docet. RIP Whitney


su Facebook: " Sei sempre capace di scuotere i nostri animi con parole straordinariamente sensate....bravo Dani, mi hai fatto venire il magone..."
Grazie Ale.

giovedì 16 febbraio 2012

Twitter? Rimandati a settembre..


Nei tg, sui giornali, nei talk, OVUNQUE, si fa un gran parlare di questi benedetti Tweet: un programma non ha successo se non lo si commenta con i tweet, Madonna al Superbowl record di tweet, la "crème de la crème" (sic) dell'Italia che conta segue si San Remo, ma per commentarlo con i tweet. Scandali, manifestazioni, eventi, trend: tutto deve essere amplificato dai tweet, sennò praticamente non esiste. Ho detto, tempo fa che ho un po faticato a "ingranare" con Twitter ma che poi l'ho trovato molto intrigante, molto coinvolgente. IL 50% dei miei post arrivano direttamente da Twitter: sono arrivato pubblicare notizie praticamente in presa diretta grazie alle agenzie che seguo su Twitter (un esempio? Purtroppo la Concordia, ma anche la "farfalla" di Belen..). Poi però tra un vip, un'agenzia, un politico che ammiro, un Adrea Scanzi e un'Emergency, tra un Nicola Savino e una Lady GaGa, la verità è che non seguo e non sono seguito da praticamente nessuno DI QUI, delle nostre parti, se non uno sparutissimo gruppettino che si conta sulle dita di una mano. I tg parlano di Twitter, non di Facebook, per esempio. Anzi, diciamocelo: Facebook sul web adesso ha un pò la fama del social dei ragazzini e delle squinzie. Non è vero, per carità. Ma questa è l'impressione che si ha, qui sul web. E allora perchè dobbiamo essere gli ultimi? Perchè dobbiamo per forza fare sto sfoggio di "provincialismo telematico"? Su: fatevi un account, imparate a usarlo (non è subito facile, ma se l'ho fatto io..): il trucco è twittare e soprattutto RETWITTARE e rispondere ai tweet, sennò non ti si fila nessuno, e il gioco è (più o meno) fatto. Perchè certo mi fa piacere che, che so, Wikileaks e Francesco Facchinetti, Il Popolo Viola e Chi Chi La Rue seguano Orbetellove. Mi farebbe però più piacere che questi e tanti altri seguissero Orbetello. Love o non love.

@Innocenteventi orbetellove

mercoledì 15 febbraio 2012

Katerina Kazzo Kollovati colpisce ancora.

Katerina Kazzo Kollovati oggi non è esperta di navigazione, ma esperta di musica. Puntualissima nella quotidiana apparizione fiume nel pomeriggio di Rai 2 non abbiamo capito a quale titolo, oggi distribuisce perle di acume e saggezza sul Circo Equestre San Remo. Lei commenta tutto e tutti. Con i nostri soldi. E' fantastica.

RAI 2: l'invasione degli ultra-corpus domini

Naturalmente su Rai2 uno spiegamento MILITARE di preti, semi-preti e compagnia pontificante, sull'attacco che Celentano ieri sera pare (non l'ho visto e non ho avuto nemmeno il dubbio..) sferrato contro Clero e dintorni. Con tanto di collegamenti video e audio. Una roba credo simile a quello che succede sulle tv dei paesi islamici e un tantino integralisti quando qualcuno parla troppo o a sproposito dell'Islam. Peccato però che a regola di bazzica noi siamo uno stato LAICO (sic..) e francamente a me del parere di parrocchiani e perpetue non me ne strabatte un cazzo. Eppure io il canone lo pago e sta schifezza va in onda credo pure coi miei soldi. Si affanna tanto sul come fare per sfilare la Rai dalle grinfie della politica. Non ci riusciremo mai. Ma soprattutto non riusciremo mai a sfilarla dalle grinfie ingorde e arraffone del Vaticano. E questo, ahimè, è un fatto. Una di questi (non so a quale titolo parlasse) ha detto: io ho cambiato canale. Bè, non in molti visti, ahimè, gli ascolti record. E anch'io vorrei cambiare canale. Senza però correre il rischio di imbattermi ovunque e in ogni dove in anime pie e chierichetti che farneticano sulla TV PUBBLICA di una religione con la quale io ho IL DIRITTO di non voler avere niente a che spartire. Con rispetto.

martedì 14 febbraio 2012

PETIZIONE PER LE DIMISSIONI DI UN OMOFOBO. (Con un click..qui!)


CLICCA NELLA FINESTRA PER FIRMARE LA PETIZIONE CHE CHIEDE LE DIMISSIONI DI UN ALTRO STRONZO OMOFOBO DA CUI L'ITALIA SERIA HA VERGOGNA DI ESSERE RAPPRESENTATA