LABELS

ALTROVE (766) UN ALTRO GIORNO (252) QUI E ORA (106) NOTE (8)

venerdì 31 marzo 2017

il pota-pota

che grandissima immonda cagata. 
Ecco cosa rimane della fantastica magnolia nel cortile della Asl che, a quel che apprendo, sarebbe l'unica responsabile di questo scempio, per (sempre a quel che apprendo) motivi di sicurezza. 
Ora, io non so quando e perchè sia iniziata questa epidemia di alberi killer, nè ho ricordanza di morti e vittime da attribuire alle pore piante. Ma magari sono io che sono un po distratto, dato che tra le cose che mi sono sfuggite c'è anche il copioso viavai di pedoni che vanno a rischiare la vita proprio in quel vialetto dimenticato da Dio. Magari, prima di passare all'abbattimento delle pinete, data la tangibile minaccia alla pubblica incolumità (se i criteri sono questi), il sospetto che ho io è che si tratti del solito (o solita) rompicoglioni che lamenta lo sporco. Perchè l'altra fantastica scoperta, oltre alla ferocia degli alberi serial-killer, è che "sporcano". Cioè, le vie più belle del mondo incorniciate da filari di alberi, i meravigliosi parchi in qualsiasi angolo e città del pianeta, sarebbero nient'altro che delle discariche a cielo aperto. 
Il risultato è che, com'è e come non è, per colpa di questo o colpa di quello, questo paese sta perdendo la sua fisionomia, incantevole da un punto di vista ambientale, adeguato biglietto di presentazione di una cittadina che giace nel cuore di un meraviglioso habitat che verosimilmente è l'unico vero fattore di appeal turistico. 
In compenso adesso va di moda dire che quest'obbrobrio è più "pulito e arioso". Ma se avete questi gravi problemi di mancanza d'aria, non sarebbe più sensato ricorrere a un buon inalatore anzichè tramutare Orbetello in questo desolante camposanto di scheletri?


rotolona di merda

Maria Giovanna Maglie, ospite a "Gli Sbandati": "i froci guardano più televisione". 
Mentre evidentemente i silos di merda in televisione ci vanno. 
E onestamente mi chiedo perchè.


giovedì 30 marzo 2017

we are the children

(dal mio Facebook, 29 marzo)
Stasera vedo a letto un po più orgoglioso del mio paese. E ultimamente succede davvero di rado. Ma la legge a tutela dei migranti minori non accompagnati (su proposta di Save the Children) approvata oggi dal nostro parlamento con consenso praticamente unanime, tranne i soliti quattro stronzi, è un capolavoro di civiltà. E soprattutto per una volta non siamo arrivati ultimi come spesso accade proprio con le leggi che con la civiltà hanno a che vedere, ma addirittura primi. 
E ora speriamo solo che non si tramuti nell'ennesima legge bella ma applicata a cazzo di cane.


mercoledì 29 marzo 2017

la riscossa di Carbonella

E così, con un grazioso salto nell'800 all'era pre-industriale, la patria dei riportini giallo-ittero torna al carbone, in una surreale atmosfera da "Anche gli angeli mangiano i fagioli" che fa sembrare pure i cinesi degli eco-terroristi di Fuck for Forest. Poco importa che inquinamento ed eventi climatici estremi riguardino tutti e uccidano tutti, ovunque nel mondo: l'importante è che un gruppetto di minatori in non so quale sperduta contea dell'America rurale possano tornare a svolgere il loro invidiabile e avveniristico lavoro mentre le mogli preparano torte ai mirtilli. Cioè dalla Sylicon Valley alla Tumorealpolmon Valley in un tropudio di bandierine stelle e strisce sventolate con pio fervore da tutti i Clint Eastwood e le Dolly Parton di questo mondo. 
 Vi prego eleggiamone subito uno pure noi. Non ci siamo peritati di importare gli hamburger bomba-satura, le zucche di Halloween, i rapper cafoni e quelle cagate di Fast and Furious da uno a otto (otto!), vorremo mica rinunciare alla Casa nella Prateria due-punto-zero?..


sabato 25 marzo 2017

melting pope

Pur con le distanze siderali che mi separano dalla Chiesa cattolica, credo che di questo Papa che entra nelle case popolari e si fa i selfie con la ragazzetta musulmana il mondo abbia un urgentissimo bisogno. 
ps: e ricordiamo per l'ennesima volta ai distrattissimi timorati che a ogni piè sospinto tirano fuori sta stronzata delle radici cristiane per giustificare il loro vomitevole razzismo, che anche oggi il capo mondiale del cristianesimo non ha perso l'occasione (e non lo fa mai) per ricordare che il popolo di Dio è multiculturale e multietnico. Altro che radici cristiane..


venerdì 24 marzo 2017

"non ti curar di loro..".

era tutto un florilegio di condivisioni della foto della ragazza musulmana che sarebbe "passata indifferente accanto ai feriti dell'attentato di Londra". Peccato che poi è saltato fuori l'uomo che ha scattato la foto che ha detto "non è vero. Era sconvolta e terrorizzata. Come tutti". E non è che ci volesse la sfera di cristallo per intuirlo. 
Ma perchè prima di condividere ste favate non contate fino a dieci? Non vi viene il sospetto che contribuire a divulgare ste scemenze non faccia granchè onore alla vostra intelligenza? Laddove ve ne fosse una.


giovedì 23 marzo 2017

quando i ragazzi neri sembrano blu

finalmente ho visto Moonlight, che ha vinto tutto il vincibile possibile nel mondo della cinematografia, dall'Oscar e il Golden Globe in giù. E devo dire che non mi aspettavo un film così asciutto (troppo asciutto?), così enigmatico (troppo enigmatico?), così freddo (troppo freddo?) e così elegante stilisticamente, visto il marciume in cui andava a raspare. Non so. Davvero. 
 Scopro con sorpresa che il testo (da cui è tratta la sceneggiatura Oscar dello stesso autore) era addirittura semplicemente la sua tesi di laurea, diventata poi testo teatrale e, appunto, film. E sti cazzi la tesina. 
La nota veramente negativa è il massacro dell'adattamento alla lingua italiana. Specie le due fasi (di tre complessive) in cui il protagonista è bambino e adolescente. Un linguaggio che immagino essere stato originariamente in strettissimo hood slang del ghetto, interpretato dalle vocette impostate di giovanissimi traduttori italiani in perfetto stile rapper degli spot delle merendine. Ma a parte questa pecca (quasi inevitabile), non so. Davvero. 
(ps: a parte che Mahershala Ali è di una bellezza sconvolgente. Quello lo so).


lunedì 20 marzo 2017

alla fiera dell'Est

Conosco donne dell'Est europa. Alcune sono amiche. Con altre ho collaborato in varie occasioni (le avrete viste, bellissime sulla passerella dei miei eventi-moda), alcune lavorano in negozi o attività che frequento (proprio con una di loro mi stavo complimentando stamani per lo slancio veramente invidiabile con cui si destreggia nel suo ruolo di mamma, di lavoratrice e di atleta) con qualcuna condivido la mia passione e il mio volontariato coi randagi, e mio padre ne ha sposata una (conosciuta in un viaggio, sua coetanea, non certo un mignottone, nel suo paese apprezzata cantante in un coro pastorale). 
 Ora. Che posso dire signore? Che desidero chiedervi scusa. Perchè il più importante canale della tv pubblica del mio paese è stato capace di scendere a questi livelli abissali di bruttura, di miseria, di poraccitudine, in modo del tutto inspiegabile persino dando per scontato il livello di trash che ammorba quotidianamente la nostra tv, specie quella pomeridiana. Intendo, davvero troppo persino per questi già patetici standard. 
Che posso dire se non tranquillizzarvi sul fatto che quella merda non rappresenta me nè altri milioni di italiani che vi rispettano innanzitutto come donne, come esseri umani, come persone e perciò, come tutte le altre persone, da non ingabbiare in triti clichè che possono essere presi anche solo remotamente in considerazione giusto da chi culturalmente è a livelli di miseria assoluta e ignoranza abissale. 
 Liberissime di essere dei mignottoni se vi va, o di essere madri, lavoratrici, compagne, amiche, mogli, se invece è questo che desiderate. E di esserlo con le modalità che preferite. Cioè esattamente come le italiane. O le pakistane, le canadesi, o le norvegesi. 
 Vi prego, se potete, non prestate alcuna attenzione a questo episodio obbrobrioso. Non fatelo. Perchè questo si che farebbe torto alla vostra intelligenza, persino di più delle surreali scemenze snocciolate nella foto.


venerdì 17 marzo 2017

pirlafobia

Sono 70 i paesi in cui essere gay è illegale, con pene che vanno dal carcere alle amputazioni, dall'internamento nei manicomi alla dilapidazione. Bene non dimenticare che tra questo immondezzaio di stati spicca la Russia di Putin, e che in questi ultimi anni in molti di questi luoghi le pene sono state ulteriormente inasprite, non abolite o almeno alleggerite. Tutto questo nella pressoché totale indifferenza delle Nazioni Unite e di tutti i paesi "civili" che con questi trogloditi si siedono quotidianamente per trescare e fare affari. 
 Nessun'altra categoria o tipologia umana è vittima di un simile livello di persecuzione, neppure lontanamente. Ed è per questo che agli amici cristiani che non ci risparmiano la piangina sulle loro di persecuzioni dico che non mi commuovono per un cazzo, visto che i primi a considerare l'omosessualità una specie di condizione demoniaca sono proprio loro. 
 Il pensierino pasquale invece lo dedico ai tanti pirla che ancora non reputano indispensabili delle leggi contro le discriminazioni per orientamento sessuale: spero che prima o poi a volare giù dal tetto di un edificio siate voi. 
Con tutto il mio cuore.


mercoledì 15 marzo 2017

macho macho man..

Imma Battaglia racconta che la sua fidanzata Eva Grimaldi le dice sempre "sei più maschio te di Garko". 
Sai che fatica..


lunedì 13 marzo 2017

indi-perdent day..

eppure hanno pure la fama di essere un po tirchi. 
 Tanto poi la valanga di soldi che ci vogliono per un referendum li tirano fuori i cittadini. No, cari amici scozzesi? 
E quello del 2014 non è bastato? Pensate di farne uno ogni due-tre anni o sta buffonata possiamo finalmente finirla qui?


sabato 11 marzo 2017

o' o' cavallo o' o'..

Anche LAV sporgera' denuncia per la faccenda del cavallo. Bene così. Avanti tutta. Avete rotto il cazzo. Avete veramente rotto il cazzo. Se pensate che le scudisciate sul muso siano una cosa normale fatevele cazzo dare voi.
Ps: e stendiamo un velo pietoso sugli avvocati d'ufficio che ho visto vaneggiare qua e là qui su Facebook. Chi ama e rispetta gli animali non può tollerare ste schifezze. Mai: neppure "una sola volta" (e chi cazzo ve l'ha detto che è solo una volta? Come potete saperlo? Perché a me invece risulta che chi ha il fegato di fare ste merdate in genere le fa e le rifa'. Altrimenti non le fa mai). 


venerdì 10 marzo 2017

la casa nella prateria

chiariamoci subito: uno che uccide perchè gli è stato rubato un sacco di sigarette è un imbecille pericoloso che spero lo sceriffo vada a farlo al fresco. 
E per un bel po.