LABELS

ALTROVE (766) UN ALTRO GIORNO (252) QUI E ORA (106) NOTE (8)

mercoledì 26 settembre 2012

LA RAGIONE DEL MIO SILENZIO

L'ho tradotta volentieri perchè è talmente bella che ho sperato che alcuni di voi desiderassero leggerla:
 "La ragione del mio silenzio sull'11 settembre è che non solo sono musulmano. Sono anche americano. Sono anche bianco. Sono maschio eterosessuale. Però, come americano, non mi viene richiesta una riflessione sull'anniversario delle nostre atomiche sul Giappone. O i nostri innumerevoli interventi militari nel mondo.
 Non c'è data sul calendario, per me come bianco, per dimostrare che la riflessione l'ho fatta eccome su schiavitù e intere generazioni di diseguaglianza e vero e proprio sadismo bianco intercorse tra l'era degli schiavi e il nostro ingiustissimo presente.
 Potenzialmente potremmo pure averlo un giorno simile, salvo poi tramutarlo in superficiale auto-compiacimento.
Come bianco non mi viene chiesta una considerazione sugli sfrenati massacri di giovani neri ad opera di poliziotti bianchi o civili bianchi, o sul terrorismo bianco delle sparatorie nei gurudwara, in quanto direttamente rilevanti per la mia identità.
E neppure dispongo di un anniversario designato per la riflessione, da uomo eterosessuale, sulle orripilanti statistiche sugli stupri e i modi in cui l'eterosessismo rende questo paese così insicuro per molti".
Michael Muhammad Knight, scrittore novellista
p;  

domenica 16 settembre 2012

VIENI A CONOSCERCI

clicca su INNOCENTEVENTI BLOGS nell'apposita finestra-pagine sotto la grande foto d'intestazione per sapere tutto ciò che c'è da sapere sui nostri blog BLOGGER GOOGLE

"..chiedimi chi erano i Beatles.."


le pupe e i secchioni de La7..


Va da se che personaggi come Mentana, Cucciari, Guzzanti, Formigli, Santoro, Gruber, Lerner, non starebbero lì a farsi passar veline dai caporaletti Mediaset. E questo Mediaset lo sa. Ma senza questi personaggi Cologno Monzese s'accollerebbe praticamente un'altra Rete 4 di cui evidentemente non ha bisogno.
L'unico fine che Mediaset si prefigge è quello di polverizzare La7 così com'è ora: costituisce un piatto in più per la spartizione della torta pubblicitaria ma soprattutto minaccia di rivelarsi un vero, ingombrante dito in culo in vista delle prossime elezioni, per le quali il porno-nano si è tirato che sembra Moira Orfei senza parrucca (o con parrucca diversa..).
 Perciò noi il rischio di imbatterci in una La7 versione Uomini e Donne non lo corriamo. Corriamo solo il rischio di veder sparire l'unica informazione indipendente rimasta nella nostra tv. Su, bambini: ringraziate i TITANI della politica italiana, PD in testa, per quest'altro bel regalino. Conflitto d'interessi, anyone?..


mercoledì 5 settembre 2012

la vittoria più importante


 "ma la sua vittoria più bella è stata oggi, con la medaglia di bronzo alle para-olimpiadi". Con molta (giustissima) enfasi Enrico Mentana ha fatto intendere che una ragazza che ormai completamente cieca si infila in quel rutilante covo di serpi che è l'ambientino affattp competitivo e sgomitone di Miss Italia, dove ti polverizzano anche solo per un ciuffo fuori posto figuriamoci un handicapp gravissimo, e ne esce praticamente vincitrice morale, e l'anno dopo và a San Remo e sfoderando una signora voce lo vince pure, e con una cocciutaggine inumana decide di diventare mamma occupandosi comunque personalmente della crescita del suo bambino, fin'ora ha pettinato le bambole, diciamo. Perchè la VERA VITTORIA, quella più importante, con il bronzo a Londra, è arrivata appunto solo oggi. Scusi, signor Mentana (con tutta la stima che nutro per lei): chi gliel'ha detto che un risultato straordinario in ambito sportivo VALGA DI PIU di un risultato straordinario nel mondo dell'arte e dell'entertainment? Gliel'ha detto qualcuno? Bene: quel qualcuno le ha rifilato una cazzata. In un'Italia assuefatta a ben altro tipo di Minetti, i risultati di Annalisa sono tutti strabilianti, soprattutto perchè ottenuti immediatamente dopo lo shock di una diagnosi impietosa che avrebbe abbattuto un rinoceronte: tutti importanti. E assolutamente di egualissima importanza.