LABELS

ALTROVE (766) UN ALTRO GIORNO (252) QUI E ORA (106) NOTE (8)

mercoledì 20 dicembre 2017

liberaci dal maiale

io sarei pure tentato di commentare la faccenda del sindaco di Como (coalizione di centro-destra) che ha impedito a dei volontari di portare qualcosa di caldo ai senzatetto sotto le colonne di una ex chiesa, in queste notti di gelo livido, e lo ha fatto accampando deliranti motivi di "decoro". 
 Però francamente mi sono rotto le palle di dare il mio pur piccolissimo, infinitesimale contributo alla visibilità di questo pattume umano (tipo quella trucidona cafona sgrammaticata della sindaca di Cascina) che poi finisce puntualmente in tutti i talk show più importanti (che di fenomeni da baraccone sono ovviamente ghiottissimi) riuscendo così a farci pure i quattrini sulle minchiate abominevoli che riescono a mettere a segno (e ultimamente sembrano fare a gara a chi le spara più grosse, proprio per smarchettare un'apparizioncina in tv). 
 Immagino che si tratti dell'ennesimo accalorato dei presepi, quelli delle "tradizioni cristiane" buone per tutte le stagioni, che però Papa Francesco se potesse brucerebbe vivi con le proprie manine al solo fine di rendere questo mondo un po meno puzzolente di merda. 
 Questo il papa. Mentre io personalmente ricorrerei alla cara vecchia usanza dei leoni al colosseo. A proposito di tradizioni dei bei tempi che furono.


martedì 19 dicembre 2017

chi?

una notizia arrivata troppo all'improvviso per non lasciarmi senza fiato. 
Una gravissima perdita per noi e per tutta la politica italiana, che lascerà un vuoto difficile da colmare. 
Carlo Giovanardi non si ricandida.


domenica 17 dicembre 2017

re de che?

il cronista di Rai News 24 racconta con tono contrito il rito con cui si accoglie in Italia la salma di Vittorio Emanuele III, la benedizione sul sagrato della basilica, le note del "Silenzio fuori ordinanza", a rischio di farmi scoppiare in lacrime con il solito teatrino dell'ossequio nei confronti di questo casato di stronzi che, a proposito, apprendiamo essere impuzzolitissimi per la mancata tumulazione del re (de che?) al Pantheon, nella capitale.
In realtà spero che tra qualche giorno, quando sarà permesso l'accesso al pubblico, qualcuno ci vada a pisciare sulla tomba dell'uomo che ha controfirmato le leggi razziali, ancora oggi un immane onta per questo paese. Magari proprio un familiare delle vittime della Shoah.
Questo naturalmente in attesa di commuoverci ancora, stavolta con le immagini del principino Emanuele Filiberto che supplica un pezzetto di cocco alla prossima edizione dell'Isola dei Famosi.
Ma sto schifo avrà mai fine?

giovedì 14 dicembre 2017

l'inferno è mio e decido io

Il bio-testamento è legge dello Stato. Uno Stato che per fortuna in qualche rara occasione si ricorda di essere laico. Perciò cari cattolici attaccatevi al cazzo, voi e tutti i baciapile che ancora infestano le nostre istituzioni (laiche). 
Questo paese non vi impedisce di schiattare affogati nella vostra stessa merda fino ad esalare l'ultimo respiro. Accomodatevi pure. A casa vostra però. 
Perché la notizia è che avete smesso di decidere anche per gli altri. 
Almeno su questo.


martedì 12 dicembre 2017

amici complici amanti

A scanso di equivoci Amnesty International lo mette nero su bianco: "Sostenendo le autorità libiche nel fermare le traversate e tenere la gente in Libia, sono stati complici di crimini". Parla dell'Europa e, sempre a scanso di equivoci, dell'Italia in particolare. E i crimini in questione non sono dispettucci: torture, violenze, abusi, riduzione in schiavitù etc, perpetrate e reiterate anche sino alle estreme conseguenze su grandi quantità di persone assolutamente inermi, anche e soprattutto donne e minori . E se Amnesty dice complici intende complici, termine che riassume splendidamente il livello abissale di degrado in cui è sprofondata la politica in questo periodo storico (Trump docet), e magnicamente sintetizzato nel nostro bel paese dalla pletora di sfaccendati sgrammaticati miracolati senza arte ne parte che si candidano a governarci. E soprattutto, termine che ci spedisce per direttissima ai livelli di civiltà di Ungheria, Slovacchia e qualche altra merdosa repubblichetta ex sovietica 
che in Europa io ancora mi chiedo cosa minchia ci stiano a fare visto che oltre tutto pretendono pure di fare come cazzo gli pare. 
 Io di Amnesty International mi fido eccome. Molto molto più di quanto mi fidi dei complici. E perciò forse sarebbe il caso di chiedermi in questo cazzo di Europa cosa ci stia a fare io, e tutti quelli che come me ambiscono al fantascientifico privilegio di vivere in un paese civile. 
Vergogna vergogna vergogna.


giovedì 7 dicembre 2017

"Priorità è una canzone pazza che cantare mi fa.."

prego siore e siori notare che sulle prime pagine dei quotidiani di oggi non vi è traccia dell'abominevole affronto fascista al gruppo La Repubblica/L'Espresso. Ad eccezione del Fatto Quotidiano, la stampa italiana non riporta in prima pagina questo sfregio che sfregio lo è alla stampa italiana tutta, indaffaratissima invece a dedicare l'headline a vere questioni di vita o di morte tipo la rinuncia di quel grande statista di Half-ano a ricandidarsi. 
 In fin dei conti si sa, "so ragazzi". A volto coperto, ma pur sempre ragazzi.


mercoledì 6 dicembre 2017

The Pitiful People

Questo Don Antonio Mattatelli è intervenuto pesantemente sulla presenza di Marylin Manson nel programma Music di Paolo Bonolis, invitando lo stesso all'obiezione di coscienza con rifiuto a presentarlo, ed il pubblico a non guardarlo . 
Lo ha fatto anche a nome della conferenza episcopale degli esorcisti (o qualcosa del genere, non ricordo la dicitura precisa) essendo Manson "l'ultima e più importante rappresentazione iconica del demonio", pericoloso perciò per il pubblico, specie quello piu' giovane e vulnerabile. 
Ricordo innanzitutto al signor Mattatelli che i fans della attempatella "icona" proprio di primo pelo non lo sono più manco loro e che proprio per questo l'ex star del rock trucid-trash è già stato archiviato alla voce "reperti storici provanti la pecoreccita' degli americani" assieme al Wrestling, a Blockbuster, al Rock Cafè, a Tiffany, al Gerry Springer Show, e tutte ste cosucce favolose che ormai interessano solo i turisti giapponesi che vanno per musei delle cere (e ceroni, nel caso di Manson) che a proposito ringrazia commosso e deliziato all'idea che qualcuno ancora lo consideri pericoloso (sic) e soprattutto che qualcuno ancora lo consideri. Punto. 
Vado a letto, che è già il 6 dicembre del duemilacazzodiciassette.


domenica 3 dicembre 2017

la svolta ambientalista di Rocco

le difficoltà di erezione possono essere un grosso problema (anzi, il problema sta proprio in quel "grosso"). Sicuramente lo sono. Episodiche, ricorrenti o, nel più malaugurato dei casi, permanenti. I motivi possono essere tanti e le soluzioni non sempre affidabili in termini di controindicazioni. Dalle terribili emicranie post pillolina blu, alle terrificanti pompe idrauliche che funzionano poco e male, e non sempre al momento opportuno, col rischio di ritrovarsi con la nerchia ritta la domenica mattina alla messa. Ma gli esperti che ci sono a fare? 
E Rocco Siffredi di sicuro un esperto di erezioni lo è. Anzi, un virtuoso direi. E Rocco, interpellato dal solito "La Zanzara" su Radio 24, non ha dubbi . Per risolvere il problema agli uomini serve la collaborazione della donna (ovviamente) ma senti come. 
Secondo mister 20 e passa (e mica parliamo di anni) la pincia è il centro del mondo. Un po come l'Amazzonia. E proprio come l'Amazzonia può costituire una minaccia per l'uomo se disboscata. Cioè, secondo questa planetaria eccellenza italiana (una volta tanto possiamo tranquillamente dire eccellenza del cazzo), vero e unico guru del celodurismo (Bossi chi?) la soluzione al problema del pisello svogliato è un immediato e assoluto ritorno al cespuglio selvatico. Avete capito bene, care signore. Via quei cazzi di Gillette Venus e cerette brasiliane, e che la natura faccia il suo corso. L'Amazzonia va urgentemente rinfoltita. 
Ora. Cercate almeno di avere compassione per il fatto che ho scritto di sta roba con grande difficoltà e senso di disagio, e che solo al pensiero dell'Amazzonia rinfoltita mi vengono le bolle come reazione psicosomatica. 
E allora perchè l'ho scritto? Semplice: perchè un esercito di guerrieri con lo stinchetto peloso in bella vista e il pisello moscio in letargo permanente in una mutanda Calvin Klein non serve assolutamente a un cazzo di nessuno. 
Nemmeno a me.

giovedì 30 novembre 2017

maledetta primavera

tanto puzzo su come lo Stato intervenga lentamente e male dopo catastrofi come terremoti o alluvioni. Molto meno puzzo sulle decine (quasi trecento) di stronzi che si sono accaparrati i fondi preposti alla ristrutturazione di abitazioni terremotate per dare una sistematina alla casa delle vacanze, un grazioso re-styling che ops, però ammonta a quasi un milione di euro. Pubblici. E parliamo di una sola prima indagine. Ora ne partiranno altre. E qualcosa mi dice che ci aspettano sorpresone. 
 Che però, appunto, non scandalizzano nessuno, di cui però appunto non si parla granchè, perchè tanto è tutta colpa dei politici, dei poteri forti, delle lobby, della casta, di Loretta Goggi, dei sette nani. Di tutti ma non nostra. Noi passavamo di là. 
La verità è che più passa il tempo e più mi convinco che siamo appunto un paese di stronzi, un popolo di merda, di trafficoni opportunisti, da nord a sud, da destra a sinistra, dall'alto al basso, da dentro a fuori. Che l'occasione di fare i furbi magari non ce la andiamo a cercare. Ma di sicuro quando cè non ce la lasciamo sfuggire. 
 E è proprio in base a questo elementarissimo assunto che credo fermamente che non sia un caso che sia proprio questo variopinto caravanserraglio di svalvolati bombisti ignoranti nulla facenti (da destra a sinistra e figuriamoci le new entry) a candidamente candidarsi a governarci dal prossimo anno. 
Maledetta primavera.


martedì 28 novembre 2017

il biotesta-dicazzo

quel poveraccio di Salvini interpellato su un argomento serissimo e sensibilissimo come il biotestamento l'unica cosa che ha saputo dire è "più che della buona morte io mi occupo dei vivi".
Purtroppo quello che questo grande statista sembra non sapere è che il biotestamento è una cosa che riguarda cittadini vivi, cittadini in condizione di estrema vulnerabilità e sofferenza, spesso condivise (anche economicamente) dalla famiglia intera, cittadini che hanno più di un buon motivo per sentirsi offesi e feriti da sta roba.
Di preciso cosa cazzo abbiamo fatto per ridurci a meritare sto pattume?

giovedì 23 novembre 2017

Tosc-anal

Quando in tv mi imbatto nella sindaca di Cascina, difronte a tanta strabordante diarrea di pressappochismo e ignoranza ho vergogna di essere toscano. 
Ps: e a proposito. Dato che non stiamo parlando della sindaca di Rio de Janeiro ma di una piccola e piuttosto ininfluente (con rispetto) cittadina di provincia, perché la signora è così spesso nei talk più importanti della tv italiana? Perché le sue pecorecce perle di saggezza sono ritenute più indispensabili per il pubblico di quelle, che so, del sindaco di Viterbo o di Casale Monferrato o di Ligonchio? Chissà.


il paese di merda

il parlamento della Gran Bretagna di quella vecchia cessa di Theresa May, uno dei personaggi politici più brutti e catastrofici che la storia moderna ricordi (e almeno tre sono proprio britannici) nel riadattare leggi e normative europee alla sola propria legislatura (dopo il merdone di brexit) scarica l'articolo che definisce gli animali "senzienti", tornando così a ritenerli, con un bel carpiato all'indietro di una mezza secolata, incapaci di provare emozioni e dolore
 Il paese che torna a smaniare di essere quello della caccia alla volpe istituzionalizzata ad uso e consumo di ricconi depravati e avvinazzati, per quanto me ne frega dopo essere uscito dall'Europa può pure andare a fanculo al largo e sparire dai nostri radar. 
 Di un'altra nazione con leggi e leggine da ex repubblichetta sovietica francamente non si avverte la necessità. Nè la mancanza.

mercoledì 15 novembre 2017

Fatto.

mi sono appena vaccinato. 
L'influenza per una persona mediamente in salute non è pericolosa. Ma è una grandissima rottura di coglioni. E non è necessaria. 
Perciò fatevelo. Che così magari evitate di impestarci coi vostri bacilli di merda. Io lo faccio da anni e non sono diventato particolarmente più autistico. Solo un po più stronzo. 
Ma non sono sicuro che dipenda dai vaccini.


il terzo cesso

Diego Fusaro a La7: la sinistra si occupa del "terzo sesso" (era dai tempi di Cronaca Vera negli anni 70 che non lo sentivo) e trascura i bisogni sociali. 
La informo sommessamente che non esiste un "terzo sesso" e che gli uomini e le donne lgtb hanno un pisello o una passera (al più con qualche aggiustatina in corsa), non un'astrusa decorazione astratta (e perciò i sessi restano due, se la matematica non mi tradisce) e che tutelare quella comunità (che è una minoranza) è comunque ascrivibile alla voce "bisogni sociali" dato che si, probabilmente campiamo un po di paillettes e Lorelle Cuccarini, ma mica solo. 
Io penso che lei sia un uomo estremamente intelligente. Ed estremamente disturbato. Non si crucci: succede.


martedì 7 novembre 2017

l'importante è finire

la ricerca di un istituto francese dal nome impossibile da memorizzare ci spiega perchè l'uomo dopo aver raggiunto il climax di un momento erotico (presa larga, eh?) finalmente tace, si estranea o dorme. Con grande sollievo delle signore (ma mica solo) arriva la spiegazione scientifica a quello che in genere poteva essere interpretato come una specie di disinteresse dell'uomo nei confronti della partner (o del partner) dopo aver in qualche modo ottenuto ciò che desiderava. 
 Niente affatto: si tratta di una reazione fisica, chimica, non razionale, non emotiva. Il cervello dell'uomo (laddove ve ne fosse uno ma in genere no o comunque non molto) si spegne, in qualche modo si disattiva (caso mai si fosse mai attivato ma in genere no o comunque non molto) per, diciamo così, ricaricarsi a causa di una specie di meccanismo di azione e reazione un po difficile (e palloso) da spiegare in termini scientifici. 
 Ma fidatevi sulla parola. Non è trascuratezza, non è allergia alle coccole post-coito, è chimica, che manco nello spot della Lufthanza con la bambina cagacazzo. 
Perciò non ci pensate e semplicemente godetevi quel magnifico momento in cui i maschi finalmente smettono di scavecciare la minchia e sparare stronzate da bimbi imbecilli di terza elementare, che mediamente è il massimo che ci si possa aspettare da loro in termini di Q.I. 
ps: purtroppo sto meccanismo non si attiva per le donne che continuano a scavecciare la minchia e sparare stronzate pure dopo. Ma questa incommensurabile inestimabile rottura di coglioni se non vi dispiace la lascio volentieri a voi. 
 Almeno questa me la risparmio.



yup

Cioè, ricapitoliamo. Quel beota di Tulliani, il leggendario cognato di Fini, sarebbe andato dalla polizia a Dubai a piagnucolare per i giornalisti che lo "importunavano". E loro più o meno gli avrebbero detto "ah, bravo. Proprio te cercavamo". E lo hanno ingabbiato. 
Sei un mito.


martedì 31 ottobre 2017

Happy Hunting Ground

e allora andiamo con un po di horror in occasione di sta stronzata di Halloween. Tipo i cacciatori appostati ai margini degli incendi per sparare agli animali in fuga. 
Feccia umana, merda splatter, pozzo nero del degrado umano. 
Happy Halloween..


Uncle Stronz

Da un paese di stronzi armati fino ai denti governato da uno stronzo sciroccato che gli stronzi sciroccati li vuole armati fino ai denti per far contenti gli stronzi che finanziano le campagne elettorali degli stronzi come lui, che cazzo vuoi aspettarti se non una carneficina a ogni piè sospinto?


domenica 29 ottobre 2017

la regina è ancora lì. I Sex Pistols, grazie al cielo, no.

40 anni fa proprio oggi usciva il primo e (sia lodato il cielo) unico album dei Sex Pistols che, insieme a qualche altra milionata di miei coetanei corsi a comprare, per poi disfarmene altrettanto rapidamente regalandolo ad un amico. 
Inascoltabile. Per quella che normalmente era la mia tazza di te' questo pensai di quel disco: una merda inascoltabile. 
Sarebbe persino troppo facile sottolineare che l'aver visto negli anni successivi l'iconico Johnny Rotten cimentarsi in quella scemenza di Grande Fratello Vip inglese avrebbe rafforzato la mia convinzione che si fosse trattato solo di una monumentale, riuscitissima montatura. Pur riconoscendo al movimento punk nel suo insieme qualche specie di merito (in primis quello di avet seppellito la grande purga del prog rock) rimango inamovibile nel pensare che nel caso specifico di questo disco e del fenomeno Pistols si sia trattato solo di un gigantesco sfoggio di abilità dell'industria discografica nel creare patacche. Qualcosa che ha più a che fare col talento imprenditoriale di Mc Laren e consorte che con la musica. 
"Dio salvi la regina" si chiamava una delle più celebri canzoni incluse in quel disco. Dio ci scampi e liberi, aggiungerei io.


martedì 24 ottobre 2017

brivido a comando

eggo da più parti di tutti sti brividi a profusione e immancabile stuporone per tale Rita Bellanza a X-Factor. Non seguo più il programma (che pure non mi dispiaceva) perchè pur di non regalare un solo centesimo a Murdoch preferirei ritrovarmi a dover guardare solo Tv 2000, e perciò diligentemente mi vado a cercare qualche video. E quello che trovo è una che canta con (poca) voce (molto) tremula, che non ci fa mancare qualche bello steccone da spavento (ma chi non stona dal vivo, dirà il solito qualcuno? Per la lista completa contattatemi in privato. Ma con calma perchè è lunga) ma che in compenso quando canta fa tante espressioni contrite che nemmeno Janis Joplin dopo che si era trangugiata tre quarti di tutto l'Lsd reperibile nella West Coast, cosa che tra l'altro faceva regolarmente e con una certa scioltezza, e che a me sembra più che altro prontissima per furoreggiare sino alla finale grazie alle solite iperbole dei soliti giudici, alcuni dei quali non esattamente dei mostri di competenza (a partire dalla Maionchi, assolutamente prodigiosa nel non capirci un cazzo nonostante decenni di onorata (sic) militanza nell'ambiente, o quell'Agnelli che se avesse anche solo una remotissima idea di come si fa probabilmente ci sarebbe riuscito lui stesso a vendere qualcosina in più dell'imbarazzante nulla assoluto che si fregia di vantare nonostante uno spiegamento di mezzi con pochi eguali) per poi tornarsene armi e bagagli, nell'arco di neppure tre o quattro giorni dal termine del programma, nello stesso nulla siderale da dove è arrivata, come praticamente il 99% degli illustri predecessori, laddove illustri è, a scanso d'equivoci, un eufemismo. 
Aridatece Ornella Vanoni.


mercoledì 18 ottobre 2017

gente allegra lui l'aiuta

il gruppetto di lacchè che circonda Berlusconi in ogni sua uscita pubblica e ride in modo scomposto ad ogni sua minchiata è una cosa che io guardo ancora con immutato raccapriccio.


lunedì 16 ottobre 2017

le osservatorie

molto toccante. Letterina con supplica di dialogo, dopo aver minacciato sfracelli (e essere andato a un passo dal causarli). 
Perciò c'è qualche anima pia sulla faccia del pianeta che sa spiegarmi alla fine della fiera che cazzo vuole questo buffone col carrè di Puigdemont? 
In compenso noi possiamo approfittarne per consolarci un po sul fatto che evidentemente i peggio buffoni populisti inesperti e incapaci non li abbiamo solo qui in Italia. Tipo un vicepresidente della Camera, senza fare nomi Giggino di Maio, che invocando l'intervento dell'Ocse (manco fossimo in Tanzania) per vigilare sulle elezioni di una regione della Repubblica italiana, non si rende evidentemente conto della gravità della merda assoluta che riesce a far fuoriuscire da quella bocca.


stronzi.

e la notizia del giorno qual'è, che gli austriaci sono stronzi? 
Si sapeva.


giovedì 12 ottobre 2017

galeotto fu il divano

per carità, sono davvero convinto che non ci sia motivo di dubitare che Harvey Weinstein sia un vecchio porco che ha approfittato della sua spaventosa potenza nel mondo Hollywoodiano. Quella del divano del produttore è purtroppo una storia vecchia come il mondo. Come non ho motivo di dubitare della credibilità delle molte attrici che lo stanno accusando di aver usato qualche forzatura di troppo. Di troppissimo. Ma (c'è sempre un ma). 
Mi sfugge il perchè Enrico Mentana (che stimo assai) ieri sera nel riportare la notizia continuasse a menzionare ossessivamente gli Obama e i Clinton come se fossero in qualche modo al corrente delle marachelle del vecchio sudicione (Clinton in particolare credo sia stato più che sufficientemente indaffarato con le sue). E, senza giustificare niente e nessuno (sono un femminista duro e puro) credo anche che se Asia Argento avesse fatto affidamento solo sulle sue effettive capacità e attitudini, a quest'ora sarebbe indaffarata a sminestrare scartoffie nell'ufficio catastale di Vigna Clara. 
E pensa un po, ho persino la stessa identica opinione su Angelina Jolie, la cui recitazione a suon di boccucce mi ha sempre fatto non cagare: di più. 
Bella, per carità. Ma non esattamente la nuova Bette Davis.


vecchie merde.

È una decisione storica, anche se un po in ritardo rispetto alla storia. Dalla prossima collezione Gucci rinuncia a creare e produrre capi in pelliccia. Bene. Benissimo. Speriamo che sia solo l'inizio. 
Intanto prego rivolgere l'ennesimo vaffanculo formato boato alle carampane che ancora i capi in pelliccia li indossano. 
Siete più antiche della cedrata Tassoni, vecchie merde.


mercoledì 11 ottobre 2017

Altro.

Sta per concludersi la giornata mondiale del coming out.
Per alcuni semplicemente un'altra giornata in cui fingere di essere qualcun altro. Qualcosa di altro da se stessi.
Che pena.

la secessione di Pappagone

e insomma ieri il mondo intero con il fiato sospeso ha ascoltato l'attesissimo discorso di Pokemon Puigdemont in cui avrebbe dovuto dichiarare unilateralmente l'indipendenza della sedicente repubblica Catalana dalla Spagna se non fosse che, ops, di quel delirante sproloquio in cui ha detto tutto e il contrario di tutto tranne dichiarare qualsivoglia indipendenza non c'ha capito un cazzo nessuno al mondo probabilmente lui compreso.
Capito che fino a una settimana fa stavate tutti parteggiando per questo buffone populista in fregola secessionista e parrucchetta alla Pappagone?

giovedì 5 ottobre 2017

Animali d'Italia

Che risposta imbecille, Meloni cara. 
Che vuol dire che un partito animalista è "riduttivo" (sic) e che dovrebbe occuparsi "anche di persone". Il problema è esattamente il contrario, tesò. 
E cioè che voi forze politiche "umane" continuate ad ignorare la sensibilità di una larghissima fascia di popolazione che chiede maggiori tutele per il mondo animale. Quei milioni di persone sono, appunto, persone. Non fave fagiane. Fattene una ragione e prova ad atterrare sul pianeta terra pure te, quello vero, quello popolato da persone e animali. E persone che ritengono prioritarie (in un paese civile) le istanze che riguardano gli animali. 
 Specie ora, dopo il governo Renzi e derivati, che in materia è senza ombra di dubbio il peggiore in assoluto dell'intera storia repubblicana.


mercoledì 4 ottobre 2017

misteri

La psiche umana sotto molti suoi aspetti rimane a tutt'oggi un grande mistero. La moderna psicologia è ancora ritenuta una scienza piuttosto inesatta in cui, nonostante alcune linee guida ufficialmente accreditate come maggiormente plausibili, è possibile incappare in teorie e scuole di pensiero che affermano tutto e il contrario di tutto. E secoli di studi, da cui un'oceanica letteratura, sono solo parzialmente (o affatto) serviti a dipanarne la complessità e iperscrutabilita' dei meccanismi. 
Ciò nonostante, io credo davvero che uno dei più grandi misteri in questo senso rimanga il motivo per cui una persona normodotata dovrebbe seguire l'account Instagram di Gianluca Vacchi.


martedì 3 ottobre 2017

culturisti

Non solo ogni giorno leggo quantità industriali di cazzate che non stanno né in cielo né in terra. Ma per giunta pure sgangherate grammaticalmente. 
Il paese che nel dopoguerra ha dato più di una lezione al mondo in termini di dinamismo, efficienza ed eccellenza, come cazzo è potuto diventare in così poco tempo la patria degli ignoranti come la merda col culo piazzato sul Suv cafone? 
Proprio ora che i mezzi per essere più solidi culturalmente sono davvero alla portata di tutti.


giovedì 28 settembre 2017

sopresa..

insomma quel mattacchione di al Baghdadi è tornato. 
E lo ha fatto con un video in cui sostanzialmente impiega 45 minuti per dire "ci siete cascati, coglioni".


martedì 26 settembre 2017

meglio (ius) soli che male accompagnati

e perciò la mazzata finale allo Ius Soli l'ha data Alternativa Popolare, la non affollatissima compagine politica che magari alternativa lo sarà pure ma popolare no per Dio. 
"Mica che il provvedimento non sia sacrosanto" sibila il leader Angelino Half-ano. Solo che non è il momento giusto. Traduzione: se questi del PD, gli unici dell'intero arco costituzionale e pure più in là, che hanno faccia a culo a sufficienza da accettare di coalizzarsi con noi alle prossime politiche mentre tutti gli altri ci evitano come la peste, dovessero perdere (e approvando quella legge l'ipotesi non è esattamente surreale) ops, via le poltrone da sotto le nostre onorevoli terga e tutti a casa. E quando ci ricapita. 
In effetti, come ho detto in altre occasioni (ma perchè privarci di qualche replica) il partito che ha più inquisiti e pregiudicati che elettori ma che con il suo zero virgola qualcosa (eccezione fatta per risultati record indovina dove? In Sicilia) finisce per fare la differenza in una situazione che ormai vede tre blocchi politici con praticamente lo stesso numero esatto di preferenze, e non disdegnando di governare con sinistra, destra, centro, diagonale, Sindacato Produttori Chupa-Chupa e Accademia Reale Giovani Marmotte pur di scucire qualche poltrona e non necessariamente Chateau d'Ax, finisce con l'essere corteggiata dal buongustaio Renzi come la sora Camilla, che tutti la vogliono e nessuno la piglia, tranne appunto lui. 
E perciò il provvedimento (nella forma che definire temperata è un eufemismo) può andare a cagare e con lui la mezza milionata abbondante di bambini e minori interessati, con tanti cari saluti all'Europa dove praticamente non esistono più paesi che non abbiano adeguatamente legiferato in materia. Baciamo le mani.


lunedì 25 settembre 2017

sconnessi

Eppure ce l'abbiamo fatta tutti pure senza. Siamo cresciuti sani e robusti, abbiamo fatto quello che dovevano fare, abbiamo saputo quello che c'era da sapere. Certo, a volte pensi a quanto sarebbe stato tutto più comodo e facile, e quante opportunità in più avresti potuto avere, a come sarebbero andate le cose. Ma insomma bene o male eccoci qui. Anche noi che "millenians" non lo siamo. Perciò perché adesso quando per un qualsiasi motivo rimani senza connessione Internet ti sembra che ti abbiamo amputato un dito?


le nullitarie

Noi per ottenere risultati nella vita dobbiamo accumulare anni di esperienza lavorativa, e per accedere al mondo del lavoro dobbiamo esibire titoli di studio adeguati. Per questo ho le palle piene di personaggi folkloristici che aspirano ad accedere alle più alte cariche dello Stato senza aver lavorato un solo giorno in vita loro o senza aver completato il ciclo completo di istruzione. 
Rompiamo tanto il cazzo per dei governi che non sono scaturiti da consultazione elettorale (anche se dire questo col nostro impianto costituzionale, quello che con referendum decidiamo di non cambiare, significa dire cazzate) salvo poi scegliere sfaccendati sgrammaticati e paperoni trafficoni quando ci è permesso di scegliere. 
Se questi sono i risultati, è da considerare poco meno che una benedizione che a scegliere sia qualcun altro.


entrino i clown

Vedere vecchia feccia come Giovanardi accalorarsi in senato a favore dello sfruttamento degli animali nei circhi è una roba che ormai è semplicemente intollerabile, come intollerabile è vedere Franceschini ringambare da vigliacco e cagasotto su un provvedimento che fino a poco fa difendeva (o fingeva di difendere) strenuamente. 
 Quanto ancora deve passare prima che ci facciamo girare i coglioni seriamente e una volta per tutte con questa schifezza di cricca che ci tiene costantemente alla periferia di quell'Europa con almeno una parvenza di civiltà ed etica? Parrucconi ricchi, potentissimi e orrendamente privilegiati, ormai totalmente alieni alla vita vera e alla sensibilità della gente. 
Li hai votati anche te? Hai votato il partito che rappresentano? Sei un povero deficiente. Senza che stiamo tanto a girarci intorno.


il somaro

Donald Trump ha detto che il sistema sanitario del Nambia, che ha affrontato una brutta epidemia di ebola, per fortuna è sempre più autosufficiente. E noi ne siamo felici.
Se solo capissimo di chi cazzo stia parlando, dato che non ci sovviene nessunissimo posto al mondo chiamato Nambia.
Forse Namibia? Zambia? Gambia? Chissà.
Per capirci, questo è il colosso di cultura è caratura politica che sta giocando a freccette con Ciccio Salciccio Koreano.
E noi che ci lamentiamo dei nostri che baciano le urne con dentro il sale grosso liquefatto di Vanna Marchi. O qualcosa del genere.

casalinghi disperati

Secondo rilevazioni Nielsen, un italiano su due pensa che l'uomo debba andare a lavoro e la donna starsene a casa tra omelette e merda del bebè.
E ora, dopo questo favoloso salto nell'Italia rurale di metà 800 o, a piacimento,
qualche sultanato mollemente adagiato su chissà quale sperduto deserto mediorientale, vediamo di tornare al 2017 e compicciare qualcosa, Daniele bello. Ps: cercasi disperatamente popolazioni esotiche disposte a venire a farci fare sto saltino culturale di un paio di secoli.
Ps2: fosse per me le mutande sudice ve lavereste con le vostre manine sante e benedette, cari maschioni o, in alternativa, tuffarvele in culo.

la Carmen

Sentire Renzi che tira per la giacchetta Barak Obama è una cosa che non so se mi fa più ridere o cagare. 
Renzi sta a Obama come Carmen di Pietro a Bette Davis. Bomba più bomba meno.

oltre le gambe c'è (pure) di più..

L'onorevole signora Giammanco (Forza Italia) a La7 si dice contrariata dal fatto che la scorsa settimana in occasione della cerimonia di resurrezione di Berlusconi (non ricordo dove, credo Chianciano) la stampa si è molto soffermata sul solito pattuglione di belle signorotte abbarbicate su tacco 12 d'ordinanza, a discapito dei contenuti politici (sic), arrivando a sfoderare termini come sessismo e misoginia (in modo altrettanto spericolato delle prodezze su décolleté Ferragamo delle suddette, suggerirei). 
Perché, vero che nel frattempo qualche annetto è passato e siamo tutti un po più suonati (anche il suo leader, temo), però signora cara non al punto di esserci dimenticati di tutto il troiume e di tutte le Minetti con cui abbiamo fatto scompisciare dalle risate l'intera galassia. 
Io apprezzo questa sua verve vetero-femminista, per carità, mi considero femminista io stesso, e le do il benvenuto nel club. Ma mi permetta almeno di sospettare che il rispetto per la figura femminile che lei giustamente chiede alla stampa, probabilmente lo sta cercando nel posto sbagliato. Olgettina più, orgettina meno. E di ricordarle che alla maggior parte di noi quell'incontro di Chianciano più che un convegno sulle pari opportunità è sembrato il triste revival di un trucidume sul quale invocheremmo tutti una provvidenziale amnesia. Che però, ahimè, proprio non ci viene in soccorso.


venerdì 1 settembre 2017

gli sgozzapalle

volevo tranquillizzarvi sulla tenuta emotiva di questi che oggi si affannano a pubblicare post sulla macellazione rituale. Mi sentirei di rassicurarvi con ragionevole certezza sul fatto che a questi di quelle povere bestie non gliene frega un remotissimo cazzo. Gli avete mai visto pubblicare qualcosa sul lerciume infame che salta fuori ogni volta che ci prendiamo il disturbo di far entrare una telecamera nascosta nei nostri allevamenti? O su un'Italia letteralmente disseminata di trappole piazzate dai bracconieri tanto per assicurare agli animali agonie e morti da incubo? Vi risulta gliene freghi un cazzo del fatto che stiamo per ridare allegramente il via alle danze con eserciti di cacciatori gaudenti nonostante una fauna selvatica già stremata e decimata da siccità e incendi? Gli avete mai visto pubblicare qualcosa sulle corride che infliggono ai tori agonie ben più lunghe e dolorose di quelle degli sgozzamenti rituali? Certo che no. Come vi dicevo a questi non gliene frega un beatissimo cazzo. Come non gliene fregava un beatissimo cazzo di quei due poracci polacchi che anzi, in quanto polacchi, secondo me gli stavano pure un po sui coglioni. 
Ma tutto fa: alle truppe cammellate di Sallusti e Belpietro (di questo parliamo, così ci intendiamo un attimo sul livello) serve qualsiasi appiglio per tramutare questo povero paese malato in una specie di cotonificio della Louisiana di fine 800 che temo alberghi solo nelle loro testoline. 
Ieri erano contro la violenza alle donne, oggi sono animalisti. Domani chissà.


venerdì 25 agosto 2017

despacito bronzeado

A La7 va in onda il solito patetico siparietto del bel Di Maio bronzeado (con tanto di sfondo balneare liofilizzato che gli troneggia alle spalle, una roba da Tele Favelas internacional) intento a snocciolare il suo neo-razzismo d'accatto (ah, queste elezioni) dall'alto della sua non strabiliante solidità didattico-culturale, con sempre i soliti cliché, i soliti slogan che ormai a tritume se la giocano con quelli fascio-canterini della Zanicchi, le solite difese d'ufficio dell'indifendibile tra gli indifendibili Virginea Raggi (a proposito: a settembre torna la Sciarelli, proveremo a chiedere a lei se qualcuno ha notizie del fantomatico, oserei dire mitologico sindaco di Roma) etc. 
E io, che ascolto distrattamente tra una spazzatina e una pappa per Ciro, mi chiedo solo come possa essere preso remotamente sul serio uno che ha chiesto (e come sempre ottenuto) che gli ospiti sin lì presenti in studio fossero allontanati perché il novello Bob Kennedy si caga sotto anche solo all'idea di confrontarsi persino con i giornalisti (non esattamente dei colossi da Pulitzer) che l'emittente di Cairo riesce a raccattare per le svogliate puntate post ferragostane. 
Ma davvero fate?


lunedì 21 agosto 2017

la fiera della pecorina

Dite quello che cazzo vi pare ma io non riesco proprio ad abituarmi al rituale della nostra classe politica e dirigente che, sino alle più alte sfere (anzi, soprattutto quelle), ogni anno in questo periodo si sposta armi e bagagli per appecorarsi al cospetto di quella lobby potente e smaneggiona che è Comunione & Liberazione. E ogni anno provo lo stesso identico moto d'orrore. 
Mi chiedo anzi quando avverrà la liberazione di questo stato laico da quel merdaio di pantano catto-affarista. Per usare un eufemismo.


giovedì 17 agosto 2017

i poracci

Le immagini Rai del palio di Siena sono una schifezza da medioevo che mi fanno vergognare di essere italiano (e augurare che i dirigenti della tv di stato spendano i soldi del mio canone in medicine per patologie serie) co sta pazza sguaiata che grida con voce rauca delle minchiate deliranti mentre i fantini picchiano furiosamente i cavalli spinti allo stremo delle forze in una piazza vistosamente ammorbata da un caldo soffocante con una folla di uomini adulti che piangono, sbraitano e sbavano. 
Senesi poracci: voi avete un problema. Ma avendo avuto occasione di vivere un anno da quella parti, questo concetto mi era già perfettamente chiaro.


lunedì 7 agosto 2017

al fuoco al fuoco

ogni tanto è utile ricordarci che questo è il paese dei pompieri volontari che appiccano incendi per guadagnare di più. 
Magari sciacquandoci la bocca prima di vomitare merda su questo o quello straniero.


lunedì 31 luglio 2017

Chi fa da se fa per tre. Ma va all'inferno.

la favolosa pagina "La Luce di Maria" (che sospetto non faccia riferimento all'impianto elettrico di casa De Filippi) che conta qualcosina come 1,4 milioni di follower tra bigotti e bizzoche di ogni risma, ha intrapreso una piccatissima campagna contro i rasponi. Non avendo evidentemente altri argomenti di cui piccarsi, in un'epoca di cambiamenti sociologici, storici e culturali questi si biblici, si premura di farci sapere che chi si spara qualche pippone di quando in quando è vittima di disturbi mentali o di personalità, (e dalle statistiche sulle cifre da capogiro che riguardano i frequentatori di siti porno ne esce perciò un affresco piuttosto inquietante in quanto a igiene mentale, specie per noi poveri italiani che tanto per gradire risultiamo primatisti, almeno che questi siti non li si visiti per motivi socio-antropologici, ma nutro qualche dubbio), allertandoci poi sul fatto che ''anche uomini e donne sposati si masturbano continuamente anche se molti medici affermano che comporti problemi psichici e fisici (ma di questi medici non vi è traccia sull'intero pianeta, almeno che non ce li tengano nascosti come la galassia di casi di pedofilia all'interno delle loro beatissime mura, che se si limitassero a sbranarsi di segoni come fanno regolarmente sarebbe festa grande, visto che ogni volta che per un'inchiesta qualsiasi si mette mano ai computer delle anime pie tonacate vi si trova un arsenale di zozzerie tali da far sembrare il curriculum cinematografico della Staller la serie completa di Un maggiolino tutto matto)".
Noi eravamo rimasti ai medici (quelli veri) che in realtà consigliano di eiaculare (con qualsivoglia fantasiosa modalità) almeno (almeno!) 21 volte al mese, ma evidentemente ci siamo persi qualche puntata. Perlomeno a sentire la pagina della luminaria mariana.
 Ora: che specie voi maschi un po disturbati lo foste e di brutto, una mezza idea me l'ero già fatta. E vedi che finalmente ora ne ho conferma.
E perciò, in attesa che Povia intervenga a sostegno della prurigginosa campagna anti-rampicone con uno dei suoi aberranti motivetti, e che Adinolfi indìca in un battibaleno un No Pippe Day, volevo solo ricordarvi che tutto questo avviene (e avviene davvero) in pieno 2017 e, insisto, su una pagina Facebook dai follower a sei zeri.
E chi vuole Cristo se lo prega. Fra un segone e l'altro.

sabato 29 luglio 2017

"perdono perdono perdono.."

Oggi a Rimini c'è la processione del comitato Beata Giovanna Scopelli (che non ho la più pallida idea di chi cazzo sia) per chiedere perdono a Dio dell'esistenza dei gay (e a noi chi c'ha creato, la Magneti Marelli?). 
Peccato che ho un impegno con Carnival Fiction sennò andavo. 
Ps: già che avete la botta di culo di essere dalle parti del divertimentificio, andateci pure voi a divertirvi un po. Che male non vi fa. 
Malati.


venerdì 28 luglio 2017

accomodarsi prego

imbecilli esaltati caricati a pallettoni da chi oggi di fronte a ste scene miserabili ringamba come un ometto qualsiasi. E pensa un po, parliamo di chi arranca per accaparrarsi il titolo di "nuovo" della politica italiana. Un nuovo che puzza ogni giorno di più di fanatismo medievale che al confronto Mamma Ebe è Nicky Minaj. 
Attaccatevi al cazzo, talebani indottrinati di merda. Prego accomodarsi: ritirare il numerino e vaccinare il pupo. Senza rompere tanto i coglioni. 
Che seddiovole l'Italia ogni tanto ancora ci riesce a non farsi seppellire di merda da sta fiera della miseria credulona e populista.


martedì 25 luglio 2017

marzo nu poco chiove e n'atu ppoco stracqua..

Sono un po di parte perchè ho sempre amato quella città in modo smodato (ma sia chiaro, secondo me tutto questo amore lo merita sul serio). Non l'avevo mai visto e perciò ho approfittato del fatto che stasera Rai 3 lo trasmettesse nella sua svogliata seconda serata estiva: "Passione 2010", ovvero Napoli raccontata attraverso il suo repertorio canoro per lo più classico da uno che tanto napoletano non lo è, ovvero il newyorkese John Turturro, regista e autore del film. Con la solita considerazione su questo particolare aspetto di Napoli che mi ha sempre strabiliato. 
Ovvero quanto fossero geniali, perfette, mai banali, stracolme di guitto e poesia furibonda la stragrandissima maggioranza delle canzoni del repertorio classico partenopeo, perciò l'esatto opposto delle miserabili, infantili, retoriche, inutili scemenze di quello popolare da qualche decennio a questa parte. Nel senso: Napoli è sempre quella, i napoletani pure. Perciò cos'è cambiato per passare da una simile inesauribile miniera di bellezza lirico-musicale a un tale livello di povertà e bruttezza? 
Uno dei molti, inestricabili misteri di quella magnifica città.


giovedì 20 luglio 2017

the bodyguard

apprendo che paghiamo la scorta (tra gli altri, molti altri) a Ignazio La Russa (c'è qualcuno che teme che se lo rubino? Tranquilli, non credo), a Mauro Moretti (già condannato a 7 anni in primo grado per la strage di Viareggio), a quel nulla cosmico di Debora Serracchiani e alla cittadina Virginia Raggi; a Cicchitto che non se lo incula anima viva al mondo e mi sfugge il motivo per cui dovrebbero incularselo i terroristi, ma tant'è. E se a Cicchitto non se lo incula nessuno figuriamoci a Rotondi, ma una scortina non si nega nemmeno a lui. Inperscrutabile il perchè, ma la paghiamo anche a Maurizio Belpietro e Vittorio Feltri, oltre ai quattrini che già ci ciucciano in contributi editoriali per il loro "prestigioso" quotidiano smercia-patacche, al casalingo disperato a tempo pieno Nichi Vendola e, udite udite, a Luca Cordero di Montezzemolo Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare che evidentemente poveraccio non ha i soldi per pagarsela da solo e anzi mettetevi una mano sulla coscienza e organizziamo una colletta. Detesto il populismo e i populisti, e non intendo esserlo. 
Ma in questo caso nemmeno non esserlo.


giovedì 6 luglio 2017

Gianna Gianna Gianna..

e perciò dalle pagine che fanno riferimento ai più importanti siti gay italiani apprendo che Gianna Nannini fa coming out (per i profani, si dichiara) e annuncia che è in procinto di sposarsi con la sua compagna. Ma non qui, a Londra. Perchè in Italia siamo troppo indietro e non c'è la stepchild adoption (se è per questo, non c'è neppure il matrimonio). 
Giusto il tempo di riprendermi dallo shock per questa stupefacente rivelazione, e aggiungo una piccola considerazione. 
Verissimo che in Italia siamo indietro, Giannuccia cara. Il fatto è che se dipendesse dai codardi come te, che per una vita hanno provato a farci credere che Cristo è morto di sonno (ho brutte notizie per te: non riuscendoci), saremmo ancora lì a ballare la tarantella nell'aia del podere in piena Italia rurale di fine ottocento. Per fortuna, grazie a quelli meno pavidi di te, qualche passettino in avanti l'abbiamo fatto. 
Perciò, prima di volare a Londra per questa lieta circostanza riguardo la quale io ti porgo le mie sentite felicitazioni, ricordati di ringraziare tutti quelli che pensano che fare coming out sia semplicemente "bello e possibile ".